Fastidio all’orecchio? No, non è solo cerume: devi correre dal medico, potresti essere in pericolo di vita

Può essere difficile distinguere se il dolore all’orecchio sia causato da qualcosa di più grave: ecco quando bisogna correre dal medico.

Il dolore all’orecchio può essere un sintomo di molte cose diverse quando si tratta della nostra salute. Un raffreddore, un’infezione sinusale o un’allergia possono causare un fastidio interno, così come cerume compattato o semplicemente un cambiamento nella pressione dell’aria.

mal d'orecchio sintomo tumore
Dolore acuto all’orecchio: cosa lo provoca (newsicily.it)

Tuttavia, quando il dolore è persistente può essere sintomo di una patologia ben più grave, come un tumore. Conoscere i sintomi e i fattori di rischio può aiutare a portare a una diagnosi più rapida. Di seguito, scopriamo tutti i segnali a cui porre attenzione.

Dolore persistente all’orecchio: non sottovalutare questi sintomi

Il cancro di cui vi parliamo spesso inizia come uno della pelle sull’orecchio esterno che poi si diffonde alle varie strutture, inclusi il condotto uditivo e il timpano. Questa rara patologia può anche iniziare dall’interno. Ogni anno viene diagnosticata solo a circa 300 persone. I tumori che colpiscono direttamente l’orecchio medio o interno sono ancora più rari. Questi includono l’adenoma ceruminoso, che si forma nelle cellule che producono il cerume. Sebbene non si diffonda, può distruggere parti del condotto uditivo.

Invece il rabdomiosarcoma è un raro tumore infantile che colpisce il tessuto muscolare. Può svilupparsi nella testa o nel collo, compreso l’orecchio medio. I tumori cancerosi si verificano quando le cellule crescono in modo incontrollabile. Non trattate, queste cellule maligne possono diffondersi in altre parti del corpo (cancro metastatico). I fattori che aumentano le possibilità di sviluppare un tumore all’orecchio includono:

mal d'orecchio sintomo tumore
Tumore all’orecchio: tipologie, sintomi e trattamenti (newsicily.it)
  • Infezioni croniche.
  • piercing all’orecchio.
  • Condizioni ereditarie, come la neurofibromatosi (NFS).
  • Precedente esposizione alle radiazioni.
  • Esposizione ripetuta all’acqua fredda, ad esempio durante le immersioni subacquee (orecchio del surfista).
  • Fumo, inclusa l’esposizione al fumo passivo.

I sintomi variano a seconda del tipo di tumore e della parte dell’orecchio interessata. I più comuni sono:

  • Vertigini o problemi di equilibrio.
  • Sanguinamento o secrezione dall’orecchio.
  • Mal d’orecchie.
  • Mal di testa.
  • Perdita dell’udito.
  • Ferita che non guarisce.
  • Scolorimento della pelle, nuovi nei o modifiche a un neo.
  • Linfonodi ingrossati.
  • Tinnito (ronzio nell’orecchio).
  • Muscoli facciali deboli.

Se sono presenti escrescenze sospette sulla parte esterna dell’orecchio, il medico può rimuovere parte del tessuto e inviarlo a un laboratorio per verificare la presenza di cellule tumorali. Questa procedura è chiamata biopsia. Può essere eseguita in anestesia locale o generale (in modo da non sentire alcun dolore), a seconda della posizione dell’area interessata.

Le escrescenze cancerose sull’orecchio interno possono essere più difficili da raggiungere. Ciò rende più arduo per il medico eseguire la biopsia senza danneggiare il tessuto circostante. L’esperto sanitario potrebbe fare affidamento su test di imaging, come una risonanza magnetica o una TAC per avere un’idea se il cancro è presente.

Impostazioni privacy