Alfonso Farruggia, segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia
GIUSTIZIA – «Da mesi – afferma l’esponente sindacale – la Uilpa segue con attenzione il dibattito, anche politico, sviluppatosi attorno alla riapertura delle sedi di Mistretta, Modica e Nicosia, nelle province di Messina, Ragusa ed Enna».
Lo afferma il segretario generale della  Uil Pubblica Amministrazione Sicilia, Alfonso Farruggia, intervenendo in merito alla vicenda relativa alla soppressione dei tribunali e al loro possibile ripristino.

La nota

«Condividiamo – spiega – la richiesta che il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha rivolto al ministro della Giustizia Marta Cartabia e ora attendiamo il voto del parlamento regionale sul Ddl fermo allArs».
«Siamo favorevoli alla riapertura degli ex uffici giudiziari – chiarisce il segretario generale – per due ragioni».

I dettagli

«La prima – puntualizza – riguarda la necessità di garantire, attraverso la presenza capillare dei tribunali in tutta l’isola, le funzioni dello Stato anche in territori distanti dai capoluoghi di provincia».
«I tribunali – aggiunge – sono presidi di legalità e la loro apertura ha un valore emblematico, oltre che operativo».
«La seconda, non meno importante – precisa ancora Alfonso Farruggia – riguarda invece l’utenza che a vario titolo, ogni giorno, ha necessità di raggiungere i tribunali: semplici cittadini ma anche avvocati e altre professionalità che gravitano attorno ai poli giudiziari per motivi di lavoro».

«Riapertura dei tribunali soppressi»

«Considerati i disagi non indifferenti che la popolazione affronta durante gli spostamenti – osserva il segretario generale – e tenendo conto delle condizioni di certo non ottimali di molte strade in Sicilia, non si può che auspicare la riapertura dei tribunali soppressi».
La chiusura delle tre sedi, negli anni scorsi, si inseriva in una riforma che aveva quale principale finalità la razionalizzazione delle spese: un obiettivo che, secondo il segretario, non è stato affatto raggiunto.
«Si è registrato, semmai – sottolinea –  un aumento dei costi».
«La riapertura – conclude – rappresenterebbe un vantaggio per il Ministero competente, poiché le spese di gestione, centocinquantamila euro l’anno, sarebbero a carico della Regione Siciliana».

LEGGI ANCHE: L’USMIA (Unione Sindacale Militare Interforze Associati) incontra le autorità regionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.