Bagheria, svincolo autostradale al buio

Bagheria, svincolo autostradale al buio

Dopo due anni dalla realizzazione dello svincolo autostradale, continua a persistere il problema della mancata illuminazione; una situazione che per ovvi motivi, è fonte di disagio per gli automobilisti, soprattutto nelle ore serali, e notturne per il potenziale rischio di incidenti (come d’altronde è già accaduto).

Un rischio quest’ultimo che è aggravato, nel periodo invernale, dall’arrivo inevitabile delle piogge, che causano il fenomeno dell’aquaplaning, ovvero la perdita di contatto tra la strada e le gomme dei veicoli, mandandoli fuori controllo.

Lo svincolo autostradale di Bagheria, situato in prossimità dell’entrata della Palermo-Catania, è stato ammodernato due anni fa, con l’installazione di due rotatorie poste una all’ingresso e l’altra all’uscita.

Allo stato attuale, purtroppo, il complesso problema della viabilità continua a persistere dato che non sono stati ultimati i lavori in grado di permettere un’adeguata illuminazione.

Nei giorni scorsi si è sollevata in seno all’amministrazione comunale di Bagheria, una protesta da parte delle opposizioni, in merito alla vicenda dello svincolo che continua a rimanere al buio.

In particolare il gruppo consiliare di “Bagheria #AvantiTutta”, aveva reso noto, con un comunicato stampa, la sua richiesta all’amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Filippo Tripoli, di intervenire con avvedutezza in tempi celeri e di essere, eventualmente, da sprone con chi di competenza o abbia quota parte di responsabilità, impegnandosi concretamente nella prosecuzione dei lavori lasciati in sospeso, e di accendere finalmente l’illuminazione”.

In un commento nei social, il sindaco ha risposto alla richiesta avanzata da “Bagheria #AvantiTutta”, specificando che «il servizio della pubblica illuminazione sullo svincolo autostradale è di competenza ANAS, nonostante questo in un’ottica di sicurezza, questa amministrazione comunale, ogni settimana, diffida ANAS ad eseguire i lavori. ANAS attraverso i suoi funzionari sta cercando di risolvere con la ditta esecutrice un contenzioso. Entro questa settimana sapremo come si risolverà il contenzioso».

Nella risposta del primo cittadino di Bagheria, inoltre, viene messo in evidenza che: «Al netto di tutto ciò il gruppo AVANTI TUTTA dovrebbe saperlo dato che fino a Marzo 2022 era presente in giunta con un proprio ASSESSORE che aveva la delega proprio alla polizia municipale e quindi anche alla VIABILITÀ».

La risposta del Sindaco non è stato affatto gradita dal gruppo di “Bagheria #AvantiTutta”, la cui reazione nei social non si è fatta attendere:

«Il Sindaco mente sapendo di mentire proprio quando – nel tentativo di scrollarsi di ogni responsabilità – getta la spugna mettendo sott’accusa la nostra parentesi in giunta. A tal proposito sentiamo il dovere di rinfrescargli la memoria, ricordandogli che la delega alla polizia municipale è stata sottratta al gruppo Bagheria #avantitutta proprio dal primo cittadino stesso nel marzo 2021, peraltro senza alcuna motivazione».

Nella parte conclusiva del botta e risposta fra sindaco e la Lista Civica, quest’ultima ribadisce con forza la sua posizione: «Sappiamo bene che la competenza sia di ANAS, il che non giustifica l’atteggiamento passivo ed incurante di una amministrazione di fronte a un problema che affligge bagheresi e non solo.

Rinnoviamo al signor Sindaco di adempiere al proprio dovere e di rappresentare a chi di competenza il non rispetto dei termini di consegna dei lavori e il persistere di un disagio che non si può più tollerare. È l’Ente che deve provvedere con risolutezza e celerità a mettere fine alla problematica sollecitando e/o mettendo in mora il diretto responsabile. Individuarlo semplicemente non pone soluzione concreta al problema, piuttosto cronicizza il persistere dell’incuria più assoluta.

Bisogna andare ben oltre la diffida, senza adagiarsi e facendo valere a gran voce i diritti dei propri cittadini, soprattutto a salvaguardia della loro incolumità».

Il dialogo serrato fra il sindaco di Bagheria e la lista civica, rappresentata in consiglio comunale da Arturo Chiello, Sergio Cannizzaro, e Maria Rosaria Ruggeri, mostra un quadro della situazione, in cui è palese la ferma intenzione da entrambe le parti, di mantenere ben salde le posizioni assunte in merito alla mancanza di illuminazione dello svincolo autostradale di Bagheria.

Al netto delle ragioni esposte, e senza la minima pretesa di “inchiodare al muro” i responsabili, possiamo soltanto sperare che questa vicenda si risolva al più presto.

Articoli consigliati

Bagheria, abbattuto l’albero della legalità.