“Nino Martoglio e l’anatomia di una morte annunciata”, libro di Maurizio Cairone

Presentazione a Bagheria il 26 marzo alle 17.30

Si svolgerà a Bagheria, presso la Chiesetta di Villa San Cataldo, ubicata in Via Papa Giovanni XXIII, il 26 marzo alle 17.30 la presentazione del libro: “Nino Martoglio e l’anatomia di una morte annunciata”, scritto da Maurizio Cairone.

La presentazione del volume è organizzata dall’Associazione BCsicilia, dal Comune di Bagheria, e dalla Casa editrice Prova d’Autore, nell’ambito dell’iniziativa “30 libri in 30 giorni”.

Dopo i saluti istituzionali dell’Assessore alla Cultura del Comune di Bagheria si effettuerà la relazione di Mario Grasso, Poeta e Scrittore. All’incontro sarà presente l’Autore.

L’evento culturale prevede, inoltre, un recital delle poesie di Martoglio, coordinato dalla regista/attrice Rosa Maria Spena, con le letture di Maria Giammarresi, Caterina Giordano, Anna Maria Lo Coco.

A coordinare i lavori in programma per l’incontro, sarà Tony Pulizzotto, Vice Presidente regionale Bcsicilia.

Nino Martoglio: la vita, le opere, e il tragico incidente misterioso in cui perse la vita

Nino Martoglio è stato un regista, sceneggiatore, scrittore e poeta siciliano. Figlio di Luigi Martoglio, un giornalista ex garibaldino, Nino Martoglio nasce il 3 dicembre 1870, a Belpasso in provincia di Catania, nel quartiere Cristo Re.

Abbandona presto l’idea di diventare capitano di marina, per dedicarsi alla sua passione: la scrittura. A soli 19 anni fonda un settimanale satirico scritto in lunga siciliana chiamato D’Artagnan: tutta l’opera è caratterizzata oltre che dal verismo, e dalla bellezza dei paesaggi, anche da una forte contrapposizione tra ricchezza e povertà, in una Catania di fine ottocento che pullulava di caffè letterari nei palazzi lussuriosi ed aristocratici.

Nino Martoglio :regista, sceneggiatore, scrittore e poeta siciliano.
Nino Martoglio :regista, sceneggiatore, scrittore e poeta siciliano.

Innumerevoli sono gli scritti di nino Martoglio sia per la letteratura, che per il teatro, tra tutti si possono ricordare ricordare: “San Giuvanni decullatu” (1908), a caricatura di una religiosità popolare ingenua, “L’aria del continente” (1910) che rappresenta in modo satirico lo snobismo di un borghesuccio isolano che mostra disprezzo per le usanze, e le abitudini siciliane. In collaborazione con Pirandello compose in dialetto “A vilanza” (1917) e “Cappiddazzu paga tutto” (1917).

Dal 1913-14 si dedicò anche al cinema. Dapprima collaborò come soggettista con la “Cines”, per la quale diresse anche il film: “Il romanzo”, nel quale recitarono il futuro prolifico regista Carmine Gallone e sua moglie Soava.

In seguito diventò direttore artistico della neonata “Morgana Film” di Roma (soltanto omonima di una analoga azienda di Catania), per la quale diresse i tre soli film prodotti da questa società: nel 1914 diresse Capitan Blanco”, tratto dal suo dramma “U Paliu”, i cui esterni vennero girati in gran parte in Tripolitania appena conquistata dall’Italia come colonia, poi curò la regia di “Sperduti nel buio”, dall’omonimo dramma di Roberto Bracco, che una parte della critica e degli storici del cinema considerarono – non senza dissensi da parte di altri – come un lontano antesignano nella corrente neorealista.

Nel 1915 uscì nelle sale cinematografiche Teresa Raquin”, tratto dal dramma omonimo di Émile Zola. Poi l’avventura della “Morgana Film” si chiuse a causa della guerra mondiale. Attualmente tutte queste pellicole sono perdute.

La fama di nino martoglio si mantenne pressoché intatta fino alla fine degli anni trenta, con molte sue commedie trasposte anche sul grande schermo, nel frattempo diventato sonoro.

Nino Martoglio il 15 settembre 1921, a soli 51 anni, ma le circostanze della sua scomparsa non furono mai note: l’autore precipitò nella tromba dell’ascensore dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Catania, dove si era recato per far visita al figlio da tempo malato.

L’area dell’ospedale in cui venne ritrovato il cadavere era ancora in costruzione, quindi non si seppe mai cosa gli successe.

Per anni, ed ancora oggi un alone di mistero avvolge la morte di un grande talento siciliano. Le nipoti Vincenza, e Angela hanno curato un Fondo dove sono conservati tutti i suoi manoscritti.

Nicola Scardina

Locandina: della presentazione del libro: “Nino Martoglio e l’anatomia di una morte annunciata”, di Maurizio Cairone - bagheria, 26 marzo 2022

Articoli correlati

«Atmosfere», al via una rassegna tra musica e vino al Planetario di Villa Filippina.

Di Nicola Scardina

Appassionato di informatica, svolge attualmente attività come webmaster freelance. Dal 2017 è collaboratore giornalistico del Settimanale di Bagheria, per il quale scrive articoli ed interviste che spaziano su diversi ambiti: da eventi culturali come presentazioni di libri, e film di registi ed attori emergenti, a temi più impegnati come la tutela ambientale. Nel maggio del 2021, fonda assieme a Gabriele Vernengo, NewSicily, portale di informazione per le startup siciliane. Dal dicembre 2021, gestisce Sicily Hub, portale di informazione dedicato alla Sicilia, fondato da Emanuele Fragasso. Dal luglio 2022, gestisce il sito The Italian News, una delle primissime redazioni under25 in Italia. Dall'agosto 2022 collabora con Palermo Post, scrivendo articoli di cronaca.

Lascia un commento