A monreale un centro sportivo polivalente

A Monreale un centro sportivo polivalente

A Monreale, in provincia di Palermo, sorgerà un centro sportivo polivalente. La struttura sportiva sarà realizzata a San Martino delle scale, frazione della cittadina normanna, grazie ad un finanziamento di quasi un milione e 400 mila euro da assegnare al Gal Monreale Terre Normanne.

Il centro sportivo polivalente di Monreale è un grande risultato ottenuto grazie alla sinergia tra Assessorato Regionale alle Politiche Forestali, Gal Terre Normanne e Parlamento.

Monreale lì 6 aprile“Ci sono voluti 10 mesi di intenso lavoro e decine di riunioni tecniche con il Gal Terre Normanne e i funzionari dell’Assessorato regionale all’Agricoltura, diversi sopralluoghi, ma alla fine il risultato è arrivato.

Quasi 1 milione e 400 mila euro sono stati assegnati al Gal Monreale Terre Normanne, somme destinate a finanziare il progetto che consentirà alla Frazione di San Martino delle Scale di ospitare una struttura sportiva polivalente, che permetterà di praticare pallavolo, pallacanestro, calcio e tennis, oltre a prevedere spazi per il tempo libero, per le attività motorie e culturali. Questa è la dimostrazione concreta che la buona politica e il costante impegno consente di dare risposte straordinarie al territorio”.

A dichiararlo con soddisfazione è il Deputato regionale di Forza Italia Mario Caputo, che ha fortemente voluto la realizzazione di questo grande progetto.

“Inizialmente” – ha detto Mario Caputo –Ho riscontrato perplessità e difficoltà tecniche, in quanto si trattava di realizzare una struttura importante sportiva, e per il tempo libero, in aree fortemente vincolate da limiti idrogeologici, forestali e ambientali, con competenze tra Demanio forestale e Fondo Edifici per il culto; poi è stato necessario individuare la struttura in grado di realizzare un progetto assai complesso e successivamente coordinare l’Assessorato regionale alla Agricoltura e individuare il Gal Terre Normanne quale soggetto attuatore e di coordinamento di spesa.

Devo fortemente ringraziare Giuseppe Sciarabba e Francesco Rossi, responsabili del Gal Terre Normanne che hanno messo a disposizione professionalità tecniche e l’Assessore Toni Scilla che presiedendo e coordinando numerosi tavoli tecnici con i diversi uffici ha permesso di portare a termine l’iter burocratico caratterizzato dall’acquisizione dei diversi pareri degli enti competenti”.

Attraverso il D.D.G. n. 1304” – spiega il Parlamentare – “sono state stabilite, infatti, le risorse del ‘PSR Sicilia 2022’ da assegnare ai veri Enti, destinando al Gal Terre Normanne la somma per la realizzazione del parco polivalente inclusivo presso la frazione montana”.

“In tutto questo, hanno avuto” – ha aggiunto Mario Caputo – un ruolo importante l’ing. D’Ugo del Dipartimento regionale forestale, il Dirigente Giuseppe Dimino del Dipartimento regionale dell’Agricoltura, il Direttore Generale Dario Caltabellotta e il Direttore Mario Candore.

Ringrazio l’intero gruppo consiliare di Forza Italia di Monreale e il componente della consulta di Frazione Bartolo Belmonte che hanno operato una forte sinergia con il territorio di San Martino.

Nei prossimi giorni, l’Assessore Toni Scilla definirà le modalità per l’emissione del decreto di finanziamento che permetterà al Gal Terre Normanne di avviare concretamente l’inizio delle opere mediante l’indizione della gara di aggiudicazione dei lavori”.

“Considero un fatto storico” – ha concluso Mario Caputo – “consentire alla Frazione di San Martino di potere vedere la realizzazione di una struttura sportiva e culturale che avrà ricadute straordinarie anche in tema di sviluppo turistico con grande vantaggio per gli imprenditori della frazione”.

Mario Caputo,  deputato all'Assemblea Regionale Siciliana nel gruppo di Forza Italia

Articoli correlati

Viabilità San Cipirello, ok al finanziamento per la manutenzione della SP 102 bis.

 

Articoli consigliati

Democrazia partecipata, Piera Cordaro (Diventerà Bellissima):«Utilizzare il 2% del gettito Irpef per iniziative pubbliche e di utilità sociale».

Leave a Reply