Depuratore di Fondo verde a Palermo

“Con i consiglieri della VI Commissione, abbiamo effettuato un sopralluogo presso il depuratore di Fondo Verde, al fine di aprire un confronto con i tecnici per cercare soluzioni risolutive utili per eliminare lo sgradevole problema dello sversamento sul manto stradale di Piazza Castelforte e nella via Chirone ogni volta che si verifica un fenomeno piovoso”, dice il consigliere del Comune di Palermo, Ottavio Zacco.

“Da quello che abbiamo verificato, sembrerebbe che, nel depuratore, oltre al conferimento delle acque nere, siano collegate anche le acque piovane della zona Nord della città – prosegue Zacco – “Una scelta che, a causa dei radicali cambiamenti climatici in atto che causano improvvisi temporali con frequenti episodi di bombe d’acqua, non è più sostenibile. Di conseguenza, alla luce di quanto emerso durante il sopralluogo, occorre, con impellenza, assumere una posizione netta: o continuare con l’inquinamento causato dallo sversamento di liquami che coinvolge i quartieri di Partanna, Mondello e Valdesi, oppure, decidere di lasciare le acque bianche su strada, così da evitare il danno ambientale. Voglio sottolineare quanto sia fondamentale che il Commissario nominato dallo Stato completi la riconversione del depuratore, così da potere risolvere, definitivamente, il problema degli allagamenti”.

Ho, così, chiesto, con urgenza, un incontro congiunto con il commissario nominato dal Tribunale e con l’Amministrazione comunale, che ha la responsabilità sulle decisione prese in passato e su quelle da adottare in futuro, coinvolgendo la VII circoscrizione affinché si avvii un percorso unico finalizzato a scongiurare il perdurare di questa indecenza. Infine, coinvolgeremo anche il Commissario nazionale per la Depurazione” – conclude il consigliere Zacco.

Gabriella Di Carlo

Addetto stampa Consigliere Ottavio Zacco

Giornalista pubblicista

327 7707167

gabrielladicarlo91@gmail.com

Leggi anche:

Grande successo per le vaccinazioni anti Covid ad opera dell’equipe itinerante dell’ASP di Palermo