Dal 15 novembre 2021, per la prima volta anche i cittadini di Bagheria potranno scaricare i certificati anagrafici online in maniera autonoma e gratuita

Bagheria è anche su IO

Certificati anagrafici online gratuiti

Dal 15 novembre per la prima volta anche i cittadini di Bagheria potranno scaricare i certificati anagrafici online in maniera autonoma e gratuita.

Il nuovo servizio dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) del Ministero dell’Interno, cui il Comune di Bagheria aderisce, permetterà di scaricare 14 certificati per proprio conto o per un componente della propria famiglia, dal proprio computer senza bisogno di recarsi allo sportello.

Il comune di Bagheria aderisce all'ANPR (Anagrafe nazionale della popolazione residente)

Questi i certificati anagrafici online che si potranno scaricare gratuitamente:

    • Anagrafico di nascita.
    • Anagrafico di matrimonio.
    • Di Cittadinanza.
    • Di Esistenza in vita.
    • Di Residenza.
    • Di Residenza AIRE.
    • Di Stato civile.
    • Di Stato di famiglia.
    • Di Stato di famiglia e di stato civile.
    • Di Residenza in convivenza.
    • Di Stato di famiglia AIRE.
    • Di Stato di famiglia con rapporti di parentela.
    • Di Stato Libero.
    • Anagrafico di Unione Civile.
    • Di Contratto di Convivenza.

Per i certificati digitali non si dovrà pagare il bollo e saranno quindi gratuiti (e disponibili in modalità multilingua per i comuni con plurilinguismo). Potranno essere rilasciati anche in forma contestuale (ad esempio cittadinanza, esistenza in vita e residenza potranno essere richiesti in un unico certificato).

ANPR - Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente
ANPR – Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente

(clicca sull’immagine per entrare in ANPR)

Al portale si accede con la propria identità digitale (SPID, Carta d’Identità Elettronica e CNS-Carta nazionale dei servizi) e se la richiesta è per un familiare verrà mostrato l’elenco dei componenti della famiglia per cui è possibile richiedere un certificato. Il servizio, inoltre, consente la visione dell’anteprima del documento per verificare la correttezza dei dati e di poterlo scaricare in formato .pdf o riceverlo via mail.

ANPR è un sistema integrato, efficace e con alti standard di sicurezza, che consente ai Comuni di interagire con le altre amministrazioni pubbliche. Permette ai dati di dialogare, evitando duplicazioni di documenti, garantendo maggiore certezza del dato anagrafico e tutelando i dati personali dei cittadini.

A questi primi certificati scaricabili online se ne potranno aggiungere facilmente altri senza modifiche al quadro normativo e nei prossimi mesi saranno implementati ulteriori servizi per il cittadino, come le procedure per effettuare il cambio di residenza.

Intanto il Comune di Bagheria è presente anche sull’ app IO dove è possibile pagare, attraverso PagoPA e con accesso sempre mediante SPID o CIE o CNS, una serie di servizi comunali trai quali le rette degli asili, i diritti di segreteria per il rilascio della CIE; i diritti sui certificati anagrafici, i diritti per l’utilizzo delle ville comunali , la vendita dei biglietti di acceso al Museo Guttuso e a villa Butera, i diritti di istruttoria e le violazioni del codice della strada.

Ad accelerare i processi amministrativi affinché il Comune sbarcasse su IO il responsabile dei servizi informatici dell’Ente Claudio Cannia.

«Per i cittadini accedere a servizi sempre più semplici, immediati e intelligenti, basati su informazioni condivise e costantemente aggiornate mediante gli strumenti informatici è un modo per esercitare i propri diritti digitali» – dice il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli che sottolinea anche che questi strumenti permettono di risparmiare tempo e risorse e permettere anche il rispetto dell’ambiente con una diminuzione degli spostamenti e la dematerializzazione della carta.

Ufficio stampa del Comune di Bagheria

Articoli correlati

Bagheria partecipa al premio di PA Social Smartphone d’Oro candidando il MUSEO GUTTUSO. Da ieri si vota

Leggi anche

Palermo, il Collegio dei Geometri e Geometri laureati interviene ai lavori del seminario sui fondi Ue